Ancora un po’ d’estate

Io l’ho visto il tempo, sono passata di fronte alla porta finestra, quel cielo, e ho detto sì, anche stamani colazione in giardino. Bello vedere il fuori, anche se si è molto attenti a quello che c’è dentro: le idee, le emozioni, le gioie, le cattive e migliori impressioni. Intorno a me c’era silenzio, solo quelle nuvole, quel verde… quell’attimo che li ho visti ho dimenticato tutto il resto, davvero tutto, e mi sono cibata di quella bellezza, assieme al caffè.

Ora al lavoro: so che tutto da qualche giorno in poi non sarà facile, ma il volere davvero qualcosa certo aiuta a superare le difficoltà, ecco il primo pensiero dopo colazione.

Buongiorno giorno

 

 

Scrivere…

«Il testo emotivo è l’unico testo che si può parlare. L’unico che si può cantare e ballare. L’unico che si può dolcemente cullare nella propria gola e fischiettare nel proprio cervello. Il testo emotivo fotte l’inconsolabile solitudine di essere al mondo».
Pier Vittorio Tondelli, Colpo d’occhio.

Vi aspetto…

Una data importante, 06 ottobre 2018, all’interno della manifestazione Cinema e Libri a Cartoceto, presenterò il mio: Una sola luce blu.